Pesce pagliaccio e anemoni : una simbiosi perfetta?

Pesce pagliaccio e anemoni : una simbiosi perfetta?

Il pesce pagliaccio, diventato famoso grazie al film “Alla ricerca di Nemo”, è uno dei modelli preferiti dai fotografi. Sono dei piccoli pesci carismatici, facili da trovare, spesso sembra che giochino a nascondino tra i tentacoli dell’anemone. Ma è molto più di un gioco…

I pesci pagliaccio e gli anemoni vivono in simbiosi perfetta ed hanno una relazione benefica ad entrambi. Per la maggior parte dei pesci i tentacoli dell’anemone sono velenosi perché contengono nematocisti, capsule urticanti che agiscono come un arpione e paralizzano la vittima. L’anemone è un predatore che, attaccato ad una roccia, aspetta che una preda ignara arrivi alla giusta distanza per attaccarla paralizzandola con il suo aculeo. I pesci pagliaccio fanno degli anemoni la loro casa e restano indenni grazie ad uno strato di mucosa protettiva che ricopre la loro pelle.

I pesci pagliaccio beneficiano della loro simbiosi con gli anemoni in quanto sono protetti dai predatori per la presenza dei tentacoli pungenti e si procurano il loro cibo con gli avanzi degli anemoni.

Qual’è per gli anemoni il beneficio derivante da questa simbiosi con il pesce pagliaccio? Quest’ultimo agisce da esca, con la conseguenza che i predatori che cercano di attaccare il pesce pagliaccio vengono punti e diventano cibo per l’anemone. Il pesce pagliaccio mangia anche i tentacoli morti tenendo quindi pulito l’ambiente circostante. I graziosi movimenti che il pesce pagliaccio esegue per i fotografi sono un beneficio per l’anemone in quanto aumenta il flusso dell’acqua e quindi l’ossigeno che aiuta l’anemone a respirare.

È una coppia di mare simbiotica ideata in paradiso!